Articoli

Selvatici

Scriviamo questo articolo con lo scopo di fornire qualche indicazione utile a tutte quelle persone che si imbattono in animali selvatici in difficoltà. Se vi trovate qui presumibilmente si tratterà di roditori: parleremo in generale di topi e ratti, ma ciò che scriveremo vale per un po’ tutti.

Dobbiamo partire dal presupposto che un animale selvatico è un animale selvatico. 

Bisogna quindi tenere sempre a mente che il suo massimo benessere coincide con la possibilità di poter vivere per ciò che è: un animale nato libero che deve poter tornare LIBERO.

Per questo motivo dobbiamo fare tutto quello che è nelle nostre possibilità per evitare di addomesticarlo, mantenendone l’indole selvatica.

Ci sono alcune possibili circostanze in cui ci si può trovare e cercheremo di individuare il miglior percorso possibile per gestire ogni situazione.

CUCCIOLATA

Cucciolata di Mus musculus selvatici, rinvenuti in una cantina

Talvolta capita facendo lavori in casa (cantine / taverne / soffitte…) o in giardino di andare a smuovere oggetti o zone che una mamma aveva scelto come luogo ideale per allevare la propria cucciolata. Quello che ci troveremo davanti sarà quindi un nido con dei cuccioli: l’adulto sarà chiaramente fuggito. 

Ciò non significa che i piccoli siano stati abbandonati, quindi – a meno che non abbiate la certezza assoluta che la madre non torni (cioè se la vedete morta nei dintorni!) la cosa migliore da fare in questa situazione è non toccare più nulla, abbandonare la zona e consentire alla madre di sentirsi sufficientemente tranquilla per tornare a riprendersi i suoi piccoli. 

Serviranno alcune ore: NON tornate a controllare ogni 10 minuti. 

Ricordiamo che anche per la balia più esperta allevare dei neonati è un’enorme sfida e in molti casi il risultato positivo non viene raggiunto: la loro migliore chance è poter esser cresciuti dalla loro madre. 

Se l’intervento fosse invece assolutamente necessario rimandiamo alla nostra guida “allevare orfani”, da seguire scrupolosamente. 

In questo caso sarà fondamentale interagire il meno possibile con i piccoli e limitarsi a manipolarli solo per i momenti in cui necessitano di essere alimentati: la gabbia andrà allestita con materiali naturali e molti nascondigli e una volta cresciuti e diventati indipendenti sarà possibile ridare loro la libertà, scegliendo per la liberazione un luogo lontano dai centri abitati.

L’ideale è un posto in campagna, che abbia rifugi (ruderi, roveti..) e fonti di cibo e acqua.

CUCCIOLO SOLO

Può succedere di imbattersi in un cucciolo solo, magari recuperato da un gatto o abbandonato dalla mamma che potrebbe essersi spaventata durante uno spostamento della cucciolata e aver deciso di mettere in salvo se stessa senza trasportare il piccolo.

In questo caso nella quasi totalità delle volte il recupero è l’unica speranza per il piccolo. 

Se si tratta di un animale predato o comunque ferito è fondamentale l’intervento di un veterinario esperto in animali non convenzionali; il piccolo andrà allattato: anche in questo caso si rimanda alla lettura della nostra guida “allevare orfani”, da seguire scrupolosamente. 

ANIMALE AUTONOMO

Infine potremmo trovarci davanti ad animali adulti o giovani, già autosufficienti, che non necessitano di essere allattati ma che presentano comunque difficoltà evidenti che non li rendono autonomi e che li mettono quindi nella condizione di dover ricevere soccorso.

Ricordiamo che un selvatico adulto che si fa prendere è sicuramente in una condizione di salute così compromessa da necessitare l’intervento del veterinario. 

Quando decidete di aiutarlo fate quindi in modo di recarvi il più in fretta possibile da un professionista che possa intervenire per cercare di salvargli la vita.

A volte basterà solo riscaldarlo e alimentarlo; altre invece saranno necessarie terapie specifiche, che solo un professionista saprà indicarvi.

Rimedi contro il caldo

Questo articolo è estratto dal The Rat Press di giugno 2017, per una migliore esperienza di lettura vi consigliamo di leggerlo da lì :)

L’arrivo del caldo mette sempre in crisi noi proprietari di ratti, che come ben sappiamo non tollerano le temperature estreme, tanto da arrivare a soffrire addirittura di colpo di calore quando il loro piccolo organismo non riesce a contrastare efficacemente la temperatura ambientale.

I ratti infatti non possono sudare come noi e fanno fatica a disperdere l’eccesso di calore. Quando la colonna di mercurio supera i 30°C iniziano a sentire davvero caldo, e 40°C potrebbero essere fatali. E’ bene quindi adottare una serie di accorgimenti, di particolare importanza per gli individui anziani, malati (ad es in caso di patologie respiratorie e/o cardiache), o di particolari varietà (ratti nudi, oppure Manx/tailless). (altro…)

Pulizia della gabbia

Questa è una mini guida sulla pulizia della gabbia, per rendere migliore la convivenza con i nostri piccoli amici 🙂
Infatti senza alcuni accorgimenti o con piccoli errori di gestione i ratti possono assumere un odore sgradevole, cosa che in condizioni naturali è assolutamente evitabile; vediamo allora quali sono le cause più frequenti di cattivo odore dei ratti e/o della gabbia. (altro…)

L’altra faccia del nudo

nudoQuesto sarà un articolo un po’ insolito, dato che raramente parliamo di genetica e varietà; non perché non ci piacciano, ma perché ci sono molti altri siti più specifici, e la differenza tra i vari colori e marking non è al centro dei nostri obiettivi di informazione.

Vogliamo però parlarvi dei ratti nudi, altrimenti chiamati Hairless, True Hairless, Very True Hairless (no, questo l’abbiamo inventato 😛 ), Fuzzy, ecc. (altro…)

Comprare non è salvare

shop3Perchè scoraggiamo le persone dal comprare ratti da pasto?
In molti ci contattate segnalandoci questo o quel negozio che vende ratti da pasto a pochi euro, chiedendoci di aiutarvi a comprarli e a trovare loro famiglia.
La triste realtà dei ratti feeder è purtroppo un problema che non può essere affrontato in questo modo, non comprandoli. (altro…)

Fare amicizia: le basi!

kiss

(foto dal web)

La socializzazione con l’uomo, altro argomento molto vasto che cercheremo di sintetizzare e generalizzare, fermo restando che ogni ratto è a sè, ha il suo carattere, le sue inclinazioni e il suo personale pacchetto di esperienze, date in larga misura da ciò che ha potuto conoscere dalle primissime settimane di vita fino a completo svezzamento e da lì fino al momento dell’adozione. (altro…)

Come comportarsi in caso di cucciolate

codineazzurre

Cuccioli di 12 giorni

Scriviamo questo articolo non tanto per incoraggiare la riproduzione dei ratti, ma per dare informazioni di base a chi, per un motivo o per un altro, si trova a doversi occupare di una ratta con cuccioli.

Praticamente tutti i cuccioli che trovate in adozione provengono da privati che hanno comprato in negozio una femmina, a loro insaputa gravida (oppure un maschio, che tanto maschio evidentemente non era…).
Per alcuni proprietari neofiti spesso è difficile accorgersi per tempo della gravidanza, e spesso semplicemente si svegliano una mattina trovando in gabbia una sorpresa!
È quindi necessario sapere come comportarsi per farli crescere al meglio, e soprattutto per far sì che vengano socializzati adeguatamente con l’uomo.

(altro…)

Allevare orfani

orfani

Piccoli criceti russi

Spesso veniamo contattati per consigli sull’allevamento di ratti o altri roditori orfani, abbiamo quindi deciso di scrivere una guida, che raccolga una serie di consigli generali, validi quindi per vari mammiferi, per facilitare queste persone, e per restringere i tempi, in maniera tale da fornire il prima possibile soccorso agli animali.  (altro…)